Skin ADV
Prato OGGI
  • Cerca:
  • 08:01 - 16/1/2018
  • 80 utenti online
  • 6784 visite ieri
  • [protetta]

CALCIO

Mentre la S.S. Granducato A.S.D. (foto) si accinge a rappresentare la provincia di Pistoia nelle finali nazionali arancio-blu di calcio a 7 in programma a Montecatini Terme dal 12 al 16 luglio, nella nuova sede pistoiese del CSI di via del Frutteto già si lavora sodo in vista della stagione sportiva 2017/18, 

PODISMO

Ancora un successo per l' “Americana in Piazza”, gara podistica a eliminazione tenutasi nel pomeriggio di venerdì 2 su un percorso di 300 metri in piazza Vittorio Veneto a Casalguidi organizzata dalla locale società dell' Atletica Casalguidi Mcl Ariston. 

PRATO

Una gita nel tempo alla scoperta della Prato medievale fra Castello dell'Imperatore e Cassero. L'appuntamento è per lunedì 17 aprile alle 18 per un viaggio fra il castello federiciano e il suo camminamento da compiere in compagnia di una guida esperta pronta a svelare tutti i segreti degli antichi cavalieri, le loro abitudini e il modo di vivere nel Trecento.

PRATO

Il 7 ad Antonini, il 10 a Tavano, mentre Cavagna va in “doppia cifra”. Il Prato ha comunicato i numeri di maglia ufficiali dei propri giocatori per la stagione 2016-17. Anche in Lega Pro quest’anno, infatti, le maglie saranno personalizzate. La 10 è finita sulle spalle di Ciccio Tavano.

PRATO

Il Prato Calcio a 5 annuncia con soddisfazione l’ingaggio del laterale italo-albanese Rej Karaja, giovane talento proveniente dai campioni d’Italia dell’Orange Futsal di Asti. A soli 19 anni Karaja ha già debuttato con gol nella Nazionale maggiore dell’Albania.

PRATO

A tagliare per primo il traguardo della gara podistica di 15 km, un percorso impegnativo che passa attraverso Sasseta, Luciana, Cavarzano, Poggiole fino a San Quirico di Vernio,  è stato anche in questa edizione del “Trofeo Corri a Sasseta”   Jilali Jamali con la maglia del Parco Alpi Apuane.

none_o

Il suo seno nudo, ne 'La Cena delle Beffe' di Alessandro Blasetti, mandò in visibilio l'Italia. 

none_o

Sem Benelli è uno squarcio di luce su quello che è stato il rapporto fra mondo culturale italiano e Fascismo. 

none_o

Solo chi ha provato lo sfruttamento e le privazioni sulla sua pelle può affrontare una dura lotta per la libertà.

none_o

Quando, nel 1901, Beniamino Forti morì, non poteva certo che un governo dispotico avrebbe distrutto alla radice il suo impero economico.

PROVINCIA
Guardie mediche potenziate e pronto soccorsi monitorati per gestire meglio il picco influenzale di questi giorni

8/1/2018 - 8:14

Guardie mediche potenziate, pronto soccorsi giornalmente monitorati per quanto riguarda gli accessi e un “piano” aziendale per gestire l’eventuale sovraffollamento in caso di epidemia influenzale; così gli ospedali dell’Azienda USL Toscana centro si preparano ad affrontare il prossimo fine settimana per fronteggiare l’eventuale picco influenzale.
 
Dall’inizio del nuovo anno il servizio di guardia medica è stato riorganizzato; ogni sabato mattina è attivo a partire dalle ore 08,00 anziché dalle ore 10.00. Si tratta di una nuova programmazione assistenziale stabilita nell’Accordo Regionale con la medicina generale lo scorso novembre. L’obiettivo è quello di potenziare l’integrazione fra i medici di medicina generale ed i medici di continuità assistenziale con particolare riferimento alla gestione condivisa dei pazienti polipatologici e complessi durante i giorni prefestivi e festivi, con la possibilità di attivare percorsi di diagnostica ed esami ematici in urgenza ed anche in stretto collegamento con il servizio infermieristico territoriale.
 
Il dottor Vittorio Boscherini, direttore del dipartimento di Medicina Generale ha inoltre stabilito che siano nuovamente rafforzate le Guardie Mediche anche in questo fine settimana; da oggi e fino a lunedì 7 gennaio le postazioni dove si è registrato un maggior incremento di richieste saranno potenziate e, al momento, sono le seguenti: Scandicci, Campi Bisenzio, Sesto Fiorentino zona nord ovest, Ponte di Mezzo, Rifredi e Empoli.
 
Ogni giorno, inoltre, sono monitorati gli accessi ai 9 pronto soccorsi dell’Azienda Sanitaria: Santa Maria Nuova, San Giovanni Di Dio, Santa Maria Annunziata, Serristori, Borgo San Lorenzo, Pistoia, Pescia, San Giuseppe di Empoli, Prato. Questo al fine di mettere in atto, tempestivamente, in presenza di un incremento straordinario di accessi, il “Piano” aziendale che prevede un aumento di personale con team aggiuntivi dedicati all’assistenza dei pazienti, incremento di posti letto “flessibili” per garantire il ricovero, potenziamento dei percorsi di fast track –prenotazioni urgenti- per gestire rapidamente visite specialistiche ed indagini diagnostiche e dimissioni dai reparti sette giorni su sette.
 
Il “Piano”, ha spiegato il direttore sanitario Emanuele Gori, dà indicazioni precise per affrontare eventuali emergenze, come ad esempio se si verificasse il picco dell’influenza, ed è stato predisposto su indicazione dell’assessorato regionale alla salute. “Gli interventi organizzati che possono essere messi in atto riguardano in particolare l’aumento del personale, se necessario, e dei posti letto in area medica, - ha detto il DS- com’è accaduto, per esempio, al Santa Maria Annunziata dove è stato adottato il provvedimento di conciliare le degenze con le dimissioni, continuando a garantire anche l’attività chirurgica”.
 
Continua ad essere alto il numero di coloro che si recano ai pronto soccorsi e, una volta valutati e trattati, vengono inviati al loro domicilio per il proseguimento delle cure com’è accaduto nella giornata di ieri: 93 su 115 al Santa Maria Nuova; 116 su 140 al San Giovanni Di Dio; 71 su 117 al Santa Maria Annunziata; 31 su 42 al Serristori; 35 su 45 a Borgo San Lorenzo; 64 su 148 al San Jacopo di Pistoia; 57 su 115 al S.S. Cosma e Damiano a Pescia; 139 su 191 a Empoli; 189 su 256 a Prato. In particolare al Santo Stefano di Prato il dottor Simone Magazzini, direttore del dipartimento di emergenza e urgenza, fa notare che gli accessi, complessivamente, si sono comunque ridotti rispetto ai primi giorni dell’anno. Magazzini, inoltre, vista l’alta percentuale dei codici a bassa priorità trattati nei Pronti Soccorso, invita i cittadini a fare ricorso alle strutture di emergenza e urgenzasolo per le situazioni cliniche più impegnative e per i sintomi riconducibili alla sindrome influenzale di rivolgersi ai servizi attivi sul territorio, come ad esempio le guardie mediche ora potenziate.
 
Per quanto riguarda la campagna vaccinale quest’anno l’adesione è stata superiore a quella del 2016-2017 con una percentuale, quindi, al di sopra del 54%. “Ricordo che la campagna è ancora in corso e –dice Boscherini- chi non avesse ancora effettuato la vaccinazione è ancora in tempo dal momento che il picco dell’influenza è previsto per la prossima metà di gennaio”.

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: