Skin ADV
Prato OGGI
  • Cerca:
  • 20:02 - 21/2/2018
  • 98 utenti online
  • 4325 visite ieri
  • [protetta]

CALCIO

Mentre la S.S. Granducato A.S.D. (foto) si accinge a rappresentare la provincia di Pistoia nelle finali nazionali arancio-blu di calcio a 7 in programma a Montecatini Terme dal 12 al 16 luglio, nella nuova sede pistoiese del CSI di via del Frutteto già si lavora sodo in vista della stagione sportiva 2017/18, 

PODISMO

Ancora un successo per l' “Americana in Piazza”, gara podistica a eliminazione tenutasi nel pomeriggio di venerdì 2 su un percorso di 300 metri in piazza Vittorio Veneto a Casalguidi organizzata dalla locale società dell' Atletica Casalguidi Mcl Ariston. 

PRATO

Una gita nel tempo alla scoperta della Prato medievale fra Castello dell'Imperatore e Cassero. L'appuntamento è per lunedì 17 aprile alle 18 per un viaggio fra il castello federiciano e il suo camminamento da compiere in compagnia di una guida esperta pronta a svelare tutti i segreti degli antichi cavalieri, le loro abitudini e il modo di vivere nel Trecento.

PRATO

Il 7 ad Antonini, il 10 a Tavano, mentre Cavagna va in “doppia cifra”. Il Prato ha comunicato i numeri di maglia ufficiali dei propri giocatori per la stagione 2016-17. Anche in Lega Pro quest’anno, infatti, le maglie saranno personalizzate. La 10 è finita sulle spalle di Ciccio Tavano.

PRATO

Il Prato Calcio a 5 annuncia con soddisfazione l’ingaggio del laterale italo-albanese Rej Karaja, giovane talento proveniente dai campioni d’Italia dell’Orange Futsal di Asti. A soli 19 anni Karaja ha già debuttato con gol nella Nazionale maggiore dell’Albania.

PRATO

A tagliare per primo il traguardo della gara podistica di 15 km, un percorso impegnativo che passa attraverso Sasseta, Luciana, Cavarzano, Poggiole fino a San Quirico di Vernio,  è stato anche in questa edizione del “Trofeo Corri a Sasseta”   Jilali Jamali con la maglia del Parco Alpi Apuane.

none_o

Il suo seno nudo, ne 'La Cena delle Beffe' di Alessandro Blasetti, mandò in visibilio l'Italia. 

none_o

Sem Benelli è uno squarcio di luce su quello che è stato il rapporto fra mondo culturale italiano e Fascismo. 

none_o

Solo chi ha provato lo sfruttamento e le privazioni sulla sua pelle può affrontare una dura lotta per la libertà.

none_o

Quando, nel 1901, Beniamino Forti morì, non poteva certo che un governo dispotico avrebbe distrutto alla radice il suo impero economico.

PRATO
La Misericordia ha festeggiato 428 anni: premiati i confratelli e le consorelle con 15, 40 e 50 anni di servizio

23/7/2016 - 11:09


La Misericordia di Prato ha festeggiato il proprio «compleanno» premiando i confratelli e le consorelle con 50, 40 e 15 anni di servizio continuativo alle spalle. La data è storica e conosciuta da tutti i soci: il 22 luglio. Quel giorno, 428 anni fa, nel 1588, trenta pratesi di ritorno da un pellegrinaggio a Loreto decisero di creare un’associazione di carità per l’aiuto ai malati e agli infermi. Nacque così la Compagnia del Pellegrino, primo nucleo di quella che, due secoli dopo, si sarebbe chiamata Misericordia.
 
Anche quest’anno, ovviamente venerdì 22 luglio, si è rinnovato l’appuntamento con la Festa della Fondazione presso la sede centrale di via Galcianese. Nel piazzale, davanti alla cappella dei Cirenei, il vescovo di Prato e correttore nazionale delle Misericordie d’Italia Franco Agostinelli ha presieduto in serata una messa di ringraziamento. Durante la celebrazione sono stati investiti i nuovi Capo guardia d’onore, i confratelli e le consorelle con 40 anni servizio a Prato centro, e i Capo Guardia (15 anni). I primi sono Andrea Carrini, Alberto Cipriani e Luciano Pugi, mentre i secondi sono Lando Cambi, Mario Grassi, Gabriella Moradei e Fabrizio Piccini.
 
Nell’occasione sono state conferite anche le Croci al merito della carità per il prestigioso traguardo di 50 anni di impegno tra le fila della Misericordia. Il riconoscimento viene è stato consegnato dalla Federazione regionale. Hanno festeggiato mezzo secolo di servizio Antonio Carboni, Leo Massai, Paolo Serresi e Roberto Zanaschi.
 
Alla cerimonia erano presenti il prefetto Maria Laura Simonetti, l’assessore comunale ai servizi sociali Luigi Biancalani e il responsabile dell’unità funzionale del 118 Michele Lanigra.
 
«Commemorare la nostra fondazione è molto importante – commenta il proposto della Misericordia di Prato Gianluca Mannelli – ci ricorda chi siamo e da dove veniamo. Abbiamo più di quattro secoli di vita e se siamo arrivati fino a qui lo dobbiamo ai nostri confratelli e alle nostre consorelle. Ieri ne abbiamo premiati alcuni, attivi da tantissimi anni, ma come sempre il ringraziamento va a tutti coloro che quotidianamente si mettono a servizio dell’Arciconfraternita e quindi della città».
 
«Quella per la Misericordia è una passione che ti si “attacca addosso” e dalla quale non puoi più liberarti – ha detto con un sorriso monsignor Agostinelli rivolgendosi ai premiati – sappiate essere contagiosi e testimoni dello spirito di servizio che vi ha contraddistinto in tutti questi anni».
 
Ieri, per l’intera giornata, è rimasto aperto lo storico oratorio della Misericordia in via Convenevole, dove è custodito l’antico e venerato Crocifisso dei Trenta pellegrini.

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




23/7/2016 - 12:20

AUTORE:
Germano

Un plauso ai volontari della Misericordia, fondamentale per tutta la cittadinanza, bravi ragazzi1!